A me non piace Chopin

Come penso saprai, Musica in Culla organizza da ormai più di dieci anni un Corso di Formazione Nazionale sullo sviluppo del bambino e l’educazione alla musica dalla primissima infanzia.

Dico questo perchè a me non piace Chopin.
Diciamo che il Romanticismo (inteso come periodo di Storia della Musica) non riesco proprio a farmelo piacere.
Poi c'è anche quel video su Rachmaninov e le sue mani enormi...

Dunque dicevo... il corso di Musica in Culla....



Musica: ovvero gioco, movimento, corpo, canto, silenzio, respiro, spazio; linguaggio espressivo che coinvolge interamente il bambino stimolando la sfera cognitiva. Lo aiuta a sviluppare memoria e concentrazione, ad organizzare esplorazioni sonore all’interno di una sintassi, ad apprendere il linguaggio verbale e a potenziare il pensiero logico-matematico. Così come coinvolge la sfera emozionale e sociale, favorendo l’espressione di sé priva di giudizio, il superamento dei propri limiti, l’adeguamento del proprio spazio a quello degli altri, il riconoscimento delle proprie emozioni, la creazione di una ‘comunità sonora’ in cui il linguaggio musicale diviene veicolo di comunicazione e di integrazione profonda, perché la musica rende veramente tutti uguali.
...e mi ritrovo così:



8° Corso di Formazione Nazionale Musica in Culla 2010-2011 / 2° Livello
Seminario di Michal Hefer

A me non piace Chopin... però così è un'altra cosa....

Nessun commento:

Lascia un commento su questo post

Popolari questa settimana

Chi sono

La mia foto

Da piccolo ogni padella che trovavo in cucina si trasformava all'istante in un tamburo, ogni coperchio in un piatto della batteria da suonare con i cucchiai.

Da grande sono diventato un contrabbassista, 7 anni in Conservatorio a Roma e poi in giro per l'Italia a suonare con varie orchestre.

Sempre da grande quando sono entrato all'Orff-Schulwerk ho preso i cucchiai lì per terra e girando e suonando ogni cosa rotonda sono entrato anche nella stanza di Musica in Culla

- Che cos'è quello? - mi domandai dopo aver visto un grande telo a spicchi colorati. Sono rimasto per scoprirlo.

Oggi (da piccolo) mi dedico principalmente all'educazione musicale per l'infanzia e chiedo sempre a tutti i bimbi se nella loro cucina ci sono le padelle.