Ascolta le note e risuonale sulla tastiera


Come sai la mia ricerca di cose tecnologiche musicali interattive on-line non si ferma mai... ed ecco cosa ho trovato ieri.

E' un piccolo semplice gioco gratis da fare on-line per imparare a riconoscere e risuonare su una tastiera le note musicali. Più vai avanti e più è difficile... ci riuscirai?


Per bambini sopra i 6 anni.

Buon complimese CiaU :)


post di CiaU.

Melodie spaziali

7.07 del mattino
Joey ha appena voltato le spalle alla parete illuminata, guarda le sbarre del suo lettino e, al di là di esse, il muro opposto in ombra. 
All'improvviso un frammento di spazio si distacca.
Una colonna sottile e rigida.
Resta immobile, cantando un'allegra melodia.
Da poco distante si aggiungono ora delle note differenti.
Accanto c'è un'altra colonna di spazio.
Anche lei canta, ma in armonia con la prima.
Le due melodie si fondono in un duetto serrato,
una più vivace, l'altra più quieta.
Lontano, appaiono ampie forme attenuate.
Esse pulsano di un ritmo più lento e profondo.
Il duetto, vicino e vivace, si mescola al ritmo più lento e distante.
I due spazi intrecciano un'unica canzone che riempie il mondo.
Poi, da chissà dove, risuona una nota diversa.
Come una meteora balena per un attimo e poi scompare nel nulla. 
Tutto quello che hai letto qui sopra è a pagina 28 di Diario di un bambino di Daniel Stern dove l'autore descrive quello che accade a Joey quando ha sei settimane... anzi quando Joey descrive quello che gli accade!

Un libro fantastico che nella sua semplicità narrativa mette insieme gran parte delle ricerche scientifiche di Stern e accompagna naturalmente il lettore nel mondo di un bambino nella sua primissima infanzia.

Lo trovi facilmente in tutte le librerie! 

Foglie d'autunno


Hai visto che titolo originale questo post? Proprio non è stato mai usato! E che foto poi!

Siamo in autunno!

E cadono le foglie...

Si è vero, tu tesoro le hai viste in questi giorni?
Quante?

Tante così!
Tutto il prato marrone di foglie!

E cosa hai fatto?

Le ho prese,
poi le ho spiaccicate con le mani,
poi per terra con i piedi,
poi le ho messe in testa per vedere se cadono come dall'albero!

Ecco, non dire che non ti è capitato!

Ba Ba Settete


Ciao! Benvenuti alla prima video-lezione di CiaU :)

Guardate, ascoltate, ripetete ed imparate insieme al vostro bambino o alla vostra bambina!

(a tutto schermo è meglio)



Leggete anche Lezione 2 per conoscere meglio Ba Ba Settete :)

11.317 firme

Qui il post dal blog del Forum Nazionale per l'Educazione Musicale da dove è cominciato tutto!


Intervista a Beth Bolton

Molta gente si chiede perché un'esperienza musicale durante la prima infanzia sia importante. I genitori in particolare sono interessati alla risposta perché saranno loro a portare i bambini alle lezioni di musica od a portarli in un nido che offra esperienze di musica per la prima infanzia. Credo sia importante per il bambino come individuo, è importante per la famiglia ed è importante per la società e la cultura. Per il bambino la musica è un altro modo di comunicare e nella società di oggi, nel 21° secolo, una delle maggiori preoccupazioni circa il crescere i ragazzi è che non abbiano abbastanza competenze comunicative da sviluppare efficaci relazioni con il prossimo sul piano personale e professionale. 
La musica è un tipo di comunicazione. Specialmente nella primissima infanzia, dove la comunicazione tra bambino ed insegnante è così importante, è un punto cruciale della lezione, quando insegniamo a genitori e bambini a comunicare musicalmente riteniamo di promuovere competenze comunicative che alla fine contribuiranno alla vita del bambino, arricchiranno la famiglia e forse la società.

Lezione 2


Eccoci alla seconda lezione di CiaU

Ba Ba Settete è un piccolo chant (sequenza ritmica) che ho scritto quest'anno pensando un po' al gioco del Bu Bu Settete che sicuramente ricorderai. Ti sarà capitato molte volte con i bambini molto piccoli giocare a nasconderti gli occhi per scoprirli all'improvviso e far esplodere un contagiosissimo meraviglioso sorriso.



Ecco è questo... non c'è bisogno di tante spiegazioni... ti copri gli occhi e su "Settete" li scopri!

Puoi variare utilizzando i foulard colorati per coprirti la testa tu, coprire il bimbo, scoprire la testa del bimbo sotto il foulard e farti scoprire da lui (aspetta sempre un po' perchè come saprai ogni bimbo ha il suo tempo di azione).

Ricorda di intervallare il canto del chant con qualche pattern ritmico (Ba Ba Ba in 6/8) per dialogare con il tuo piccolo.

E' un'attività molto amata dai più piccoli non solo perchè è efficace di suo ma perchè è una cosa che i bimbi hanno già fatto molte volte prima di incontrarti (c'è forse qualche mamma o papà che non ha mai giocato a Bu Bu Settete con il proprio figlio?).

Ora vai!

Dove trovo il paracadute?


E' una domanda che mi sento rivolgere spesso.
Sarà che il paracadute usato dagli educatori musicali per la prima infanzia (e non solo visto che lo trovo spesso già nei nidi e nelle scuole dell'infanzia dove lavoro) è così bello e coinvolgente che è naturale cercar di sapere dove trovarlo anche solo per usarlo come gioco da fare all'aperto.

Popolari questa settimana

Chi sono

La mia foto

Da piccolo ogni padella che trovavo in cucina si trasformava all'istante in un tamburo, ogni coperchio in un piatto della batteria da suonare con i cucchiai.

Da grande sono diventato un contrabbassista, 7 anni in Conservatorio a Roma e poi in giro per l'Italia a suonare con varie orchestre.

Sempre da grande quando sono entrato all'Orff-Schulwerk ho preso i cucchiai lì per terra e girando e suonando ogni cosa rotonda sono entrato anche nella stanza di Musica in Culla

- Che cos'è quello? - mi domandai dopo aver visto un grande telo a spicchi colorati. Sono rimasto per scoprirlo.

Oggi (da piccolo) mi dedico principalmente all'educazione musicale per l'infanzia e chiedo sempre a tutti i bimbi se nella loro cucina ci sono le padelle.