Il GRANDE piccolo uovo con le macchie

Attività musicali con un libro scritto ed illustrato da Eric Battut.


- Non ci credo! - Così io davanti allo scaffale leggendo "Oh, che uovo!" scritto grande sul dorso di un libro grande.

- A cosa? - Così Sara, la mia libraia della mia libreria vicina.

- A questo! - Così io mostrandole il grande "Oh, che uovo!" appena sfilato dallo scaffale. Grande ben 24,5x25,5 cm. Ben altra cosa dei 15x15,5 cm della piccola edizione che ero riuscito a trovare dopo un grande tempo di ricerca circa un anno fa.

- Ah sì, lo stanno distribuendo di nuovo in libreria. - Così Sara.

- Lo sai che questa è una cosa meravigliosa? Una cosa meravigliosa quanto inaspettata! - Così io.

"Oh, che uovo!" è un libro meraviglioso. L'ho cercato tanto e come hai letto avevo trovato solo l'edizione in formato mignon. Non che non fosse buona. Ma con le classi abbastanza numerose dei nidi che frequento - Non vedo bene! - era la frase più pronunciata davanti a quell'edizione.

La musica è come un linguaccio

Parola del Grande Gigante Gentile


- Ogni sogno ha la sua particolare musica ronzinante, e le mie formidose grandi orecchie può cogliere questa musica. 
- Per musica, intende dire melodia? 
- No, io non intende melodia. 
- Allora, che vuol dire? 
- I popolli della terra ha la loro musica, chiaro o scuro? 
- Chiaro. 
- Musica di tutti i tipi. 
- E qualche volta i popolli della terra va in estasi quando ascolta una musica sublime: come un fremito che scende per la colomba vertebrale. Chiaro o scuro? 
- Chiaro. 
- Dunque, la musica dice loro qualche cosa, manda un messaggio. Io non crede che i popolli della terra sa che tipo di messaggio è, ma gli piace lo stesso. 
- Penso di sì
- Beh, grazie alle mie orecchie mirabolanti, io non è solo capace di sentire la musica dei sogni, ma anche di capirla
- Capirla come? 
- Io la legge, lei mi parla. E' come un linguaccio.

Se lo dice il GGG io ci credo, e tu?


Roald  Dahl


Salani Editore


In libreria o su Amazon.

Grazie per aver letto questa citazione.

Popolari questa settimana

Chi sono

La mia foto

Da piccolo ogni padella che trovavo in cucina si trasformava all'istante in un tamburo, ogni coperchio in un piatto della batteria da suonare con i cucchiai.

Da grande sono diventato un contrabbassista, 7 anni in Conservatorio a Roma e poi in giro per l'Italia a suonare con varie orchestre.

Sempre da grande quando sono entrato all'Orff-Schulwerk ho preso i cucchiai lì per terra e girando e suonando ogni cosa rotonda sono entrato anche nella stanza di Musica in Culla

- Che cos'è quello? - mi domandai dopo aver visto un grande telo a spicchi colorati. Sono rimasto per scoprirlo.

Oggi (da piccolo) mi dedico principalmente all'educazione musicale per l'infanzia e chiedo sempre a tutti i bimbi se nella loro cucina ci sono le padelle.