Il volo dell'astronave


Questa è un'attività che ho pensato per la prima classe della scuola dell'infanzia sul finire dello scorso anno scolastico.... non l'ho ancora sperimentata così ti invito a provarla insieme a me ora che la scuola sta ricominciando.

L'idea è quella di un viaggio tra i pianeti.

Ecco quello che mi ero appuntato per gli insegnanti di musica:






Obiettivi
Riconoscimento di due modalità musicali (legato e staccato).
Utilizzo della voce per l'intonazione di due intervalli melodici discendenti (3a maggiore e 5a giusta).

Materiale
Paracadute
Spartito (clic destro sull'immagine che apre questo post > salva immagine)

Descrizione
Dopo aver introdotto il contesto della gita nell'universo e aver parlato dell'astronave per raggiungere i pianeti nello spazio si potrà aprire il paracadute a terra al centro dell'aula e dire ai bambini di prendere il loro posto seduti ai bordi dell'astronave tenendola forte per provare a farla partire (alzare).


1 - L'insegnante seduto insieme ai bambini comincerà a cantare “Il volo dell'astronave” alzando leggermente il paracadute sulla parte legata della musica e poi dando dei piccoli colpetti indietro con le mani sulla parte staccata.



I piccoli colpi saranno associati al fatto che l'astronave non riesce a partire e quindi i bambini dovranno aiutare anche loro per avere più forza nella partenza. Sicuramente per imitazione si cominceranno a sentire dei “pa pa” sulle pause musicali proprio nel momento dei colpetti. L'insegnante poi inviterà ad ascoltare e ripetere i “pa pa” melodici finché tutti i bambini divertiti si lanceranno nella ripetizione.
A questo punto visto che l'astronave non accenna ad alzarsi l'insegnante avrà bisogno di vedere quali parti dell'astronave non funzionano e chiederà a turno a ciascun bambino di dare i colpetti con le mani sopra il telo sempre per imitazione per vedere se è lì il guasto (si possono anche seguire i colori del paracadute chiedendo ai bambini che tengono quel determinato colore).
Una volta controllato tutto forse finalmente l'astronave potrà alzarsi da terra, dapprima alzando sempre più il paracadute fino a tendere le braccia sopra la testa e alzando e abbassando velocemente sui “pa pa” e poi alzandosi tutti in piedi.

2 - Ora che l'astronave è “in volo” possiamo avere un movimento più ampio in alto e in basso (sulla parte legata della musica) e fare dei colpi più forti (sulla parte staccata) sempre rimanendo fermi al nostro posto.

3 - Il passo successivo sarà quello di far girare l'astronave (sulla parte legata della musica) e fermandoci (sulla parte staccata) continuare a dare i colpetti. Sicuramente ora ascolteremo i bambini cantare anche la parte legata della canzone. Possiamo far girare l'astronave 4 volte in senso antiorario e 4 volte in senso orario, dopo 2 volte......, dopo 1 volta sempre fermandoci sui colpetti a differenziare il carattere della canzone. 

4 - Ora possiamo far entrare i bambini (1 o 2 o 3 o 4 alla volta) seduti al centro dell'astronave per vedere se dentro è tutto a posto ed essere sicuri che possano sentirci da lì (dentro l'astronave). Così gireremo ancora come prima e al momento dei “pa pa” saranno solo i bimbi dentro l'astronave che dovranno rispondere per far sentire che ci sono ed è tutto ok (una variante potrebbe essere invitare i bambini a premere con la mano il centro del paracadute come fosse un pulsante dell'astronave mentre rispondono “pa pa”). Dopo alcuni giri possiamo far uscire i bambini dentro e farne entrare altri facendo attenzione che tutti mettano il telo a terra per non far scivolare chi cammina sopra.

5 - Per terminare l'attività ed atterrare sul pianeta che sarà possiamo ripetere il punto 2 facendo movimenti sempre meno ampi ed alla fine arrivare seduti a terra
Puoi continuare l'attività Camminando sulla Luna :)

Nessun commento:

Lascia un commento su questo post

Popolari questa settimana

Chi sono

La mia foto

Da piccolo ogni padella che trovavo in cucina si trasformava all'istante in un tamburo, ogni coperchio in un piatto della batteria da suonare con i cucchiai.

Da grande sono diventato un contrabbassista, 7 anni in Conservatorio a Roma e poi in giro per l'Italia a suonare con varie orchestre.

Sempre da grande quando sono entrato all'Orff-Schulwerk ho preso i cucchiai lì per terra e girando e suonando ogni cosa rotonda sono entrato anche nella stanza di Musica in Culla

- Che cos'è quello? - mi domandai dopo aver visto un grande telo a spicchi colorati. Sono rimasto per scoprirlo.

Oggi (da piccolo) mi dedico principalmente all'educazione musicale per l'infanzia e chiedo sempre a tutti i bimbi se nella loro cucina ci sono le padelle.