L'Orchestra del Re


C'era una volta... 
Un Re!! 
Diranno i miei piccoli lettori...

Proprio così, questa volta c'era proprio un Re che dopo aver portato tutti voi per le stanze del suo castello vi ha accompagnato anche in quella più grande, quella con tanti tamburi e tanti ovetti colorati, quella dove c'è l'Orchestra!

Bisognerà pur provare a suonare questi strumenti così belli e vedere se anche noi possiamo fare l'Orchestra.
Così ci mettiamo un po' di qua (con i tamburi) e un po' di la (con gli ovetti) per suonare ed ascoltare tutte queste belle novità.

Un amico del Re ci fa compagnia con il flauto così mentre lui suona la melodia noi possiamo accompagnarlo con i nostri strumenti... prima con i tamburi... poi con gli ovetti... poi tutti insieme... poi nessuno... poi in piedi... poi camminando... poi solo i tamburi rossi... poi solo gli ovetti verdi... poi tutti i blu... poi continua tu...

Questa piccola idea può essere sviluppata in mille modi diversi ma l'obiettivo primario al quale punto ogni volta che la propongo è quello di lasciare liberi i bimbi di sperimentare il ritmo sul tamburo e sugli ovetti (o su altri strumenti ritmici) mentre ascoltano la melodia al flauto così da arrivare alla scoperta della pulsazione ritmica propria di quella melodia. Avverto che bisogna trattenersi nel non fare l'esempio suonando noi il ritmo giusto ma se stiamo attenti ed aspettiamo scopriremo che piano piano i bambini (un po' per imitazione e un po' con l'ascolto) confluiranno nel ritmo. Quando succede (e succede) è una fantastica magia naturale.

Nel video qui sotto puoi vedere un estratto da una lezione con bambini di tre anni che fanno l'Orchestra per la prima volta... sicuramente noterai chi naturalmente è nel ritmo e chi naturalmente sta sperimentando.

Nessun commento:

Lascia un commento su questo post

Popolari questa settimana

Chi sono

La mia foto

Da piccolo ogni padella che trovavo in cucina si trasformava all'istante in un tamburo, ogni coperchio in un piatto della batteria da suonare con i cucchiai.

Da grande sono diventato un contrabbassista, 7 anni in Conservatorio a Roma e poi in giro per l'Italia a suonare con varie orchestre.

Sempre da grande quando sono entrato all'Orff-Schulwerk ho preso i cucchiai lì per terra e girando e suonando ogni cosa rotonda sono entrato anche nella stanza di Musica in Culla

- Che cos'è quello? - mi domandai dopo aver visto un grande telo a spicchi colorati. Sono rimasto per scoprirlo.

Oggi (da piccolo) mi dedico principalmente all'educazione musicale per l'infanzia e chiedo sempre a tutti i bimbi se nella loro cucina ci sono le padelle.